Biblioteca comunale "Isidoro Chirulli"

La Biblioteca Comunale di Martina Franca fu costituita il 17 luglio del 1928 con provvedimento n. 40 del commissario prefettizio dott. Ferdinando Abbate.

La biblioteca, che prese il nome di Civica e trovò sede nel locale della ex chiesa di Santa Pace, nei pressi della basilica di San Martino, aveva un esiguo patrimonio librario: molti furono acquistati, altri pervennero come doni, da alcune Famiglie nobili della città, tutti furono catalogati e messi a disposizione della Comunità.

Negli anni successivi la Biblioteca fu chiusa a causa sia dell'analfatetismo della maggioranza della popolazione che per incuria degli amministratori e disinteresse degli impiegati. Tutto il patrimonio bibliografico e le suppellettili furono trasferiti prima nel Dopolavoro fascista e poi all'ENAL.

Nel 1947 l'esigenza della biblioteca si ripresentò per tutti con l'aumento della popolazione scolastica e l'Amministrazione Comunale, retta dal sindaco dott. Alfonso Motolese, avvertendo la necessità della sua ricostituzione, affidò tale incarico al prof. Giovanni Caramia, che si attivò coinvolgendo in questa operazione di rinascita culturale enti privati e case editrici.
La Biblioteca fu così ricostituita con delibera n. 190 del 30 ottobre 1947.

Il Consiglio Comunale con delibera n. 18 del 19 gennaio 1949 intitolò la Biblioteca "Isidoro Chirulli", quale riconoscimento dovuto ad un uomo, l'arciprete Isidoro Chirulli, di notevole valenza culturale, grande storico locale, curatore della "Franca Martina", opera in tre volumi concernente le origini della città.
La nuova sede fu individuata nel grandioso salone del Palazzo Ducale, adibito dai duchi a teatro popolare.
Attualmente il patrimonio librario della biblioteca comunale "Isidoro Chirulli" consta di circa 50.000 testi e dell'archivio "G. Grassi"; negli stessi locali è conservato l'archivio Caracciolo de' Sangroconsiderato uno dei più grandi archivi privati del meridione.

Il 18 ottobre 2007 è stata inaugurata la sezione di mediateca.
La mediateca si configura come centro culturale e luogo d'accoglienza che salvaguardia il principio d'uguaglianza valorizzando e riconoscendo le diversità di convivenza e responsabilità recirpoca.
E' questa in sintesi la funzione della mediateca di Martina Franca, istituita come sezione della biblioteca comunale "Isidoro Chirulli" per soddisfare il crescente bisogno informativo e culturale del territorio integrando le fonti cartacee con quelle multimediali.
Essa nasce grazie al finanziamento regionale nell'ambito dell'Accordo di Programma Quadro "Beni e Attività Culturali", che ha reso possibile dotare la Biblioteca di altre 8 postazioni multimediali, 4 erano già in loco.
Pertanto la struttura oggi risulta composta da 12 postazioni PC multimediali e il suo patrimonio audio/video comprende: 930 (CD, DVD); 240 (VHS).

Nel 2007, nell'ambito del progetto Itria2Net, finanziato tramite la misura 6.2 del POR Puglia 2000-2006, nella biblioteca è stato istituito un Web Point, dotato di ulteriori 7 postazioni PC multimediali, per garantire accesso pubblico ad Internet, consentendo all'intera Comunità dei cittadini di accedere alla rete e di fruire delle molteplici opportunità di servizio, lavoro, studio, aggiornament disponibili on line.

Il presidio di tali postazioni è garantito dalla presenza di personale di affiancamento, che garantisce un supporto sia per coloro che incontrano difficoltà oggettive nell'utilizzo di Internet sia per soggetti in condizione di svantaggio sociale.

Orari di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì: 08.00-13.00 / 15.00-20.00, sabato solo sala lettura ore: 9.00-13.00 / 15.00 - 20. 00

Accedi al catalogo di consultazione on-line

email: biblioteca@comunemartinafranca.gov.it

Condividi questa pagina